Finanza per Tutti

Disoccupazione giovanile. Va sempre peggio

jobI dati rilevati dall’Istat per lo scorso novembre, confermano ciò che già molti temevano: la disoccupazione giovanile ha incontrato un nuovo record. Il tasso, tra i giovani dai 15 ai 24 anni è pari al 37,1%, ai massimi dal 1992. Si stima che le persone in cerca di lavoro, e quindi disoccupate, arrivano a 641 mila e rappresentano il 10,6% della popolazione della stessa fascia d’età. Gli altri non compresi in questa stima sono i cosidetti Neet, ovvero i giovani che ancora studiano e non sono in cerca di lavoro, vengono considerati inattivi.

Il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, ha così commentato la statistica ai microfoni di Radio Capital: «Ci sono forze e tendenze di lungo periodo e noi paghiamo errori di lungo periodo. C’é molto nella riforma del lavoro che tende a contrastare la precarietà, soprattutto per giovani e donne, ma si deve dire che il lavoro non si fa a comando ma ricostituendo l’economia e migliorando la formazione».

 

January 9, 2013 Posted by | News | , , , , , | Leave a comment

La crisi continua nel 2013

L’anno nuovo è appena iniziato e si apre con una cattiva notizia. Gli italiani lo sanno già, ma ora è più che ufficiale, la crisi non è finita, anzi. Da quanto si capisce dalla ricerca di Coldiretti, per il 48% delle famiglie italiane il 2013 sarà un anno molto duro. 2013Dall’indagine si scopre come già il 51% degli italiani fa fatica ad arrivare a fine mese e cerca in ogni modo di rinunciare a qualcosa. Calano gli acquisti, in molti rinunciano ai viaggi e alle cene fuori, allo shopping ed ai regali tecnologici, calano anche le visite ai bar e le uscite in discoteca, privilegiando, dove si può, gli acquisti per i figli.

Sergio Marini, presidente della Coldiretti, lancia un appello al nuovo governo con queste parole: «È necessario rompere questa spirale negativa aumentando il reddito disponibile soprattutto nelle fasce più deboli della popolazione. E sempre più urgente la necessità di sostenere la ripresa dei consumi per rilanciare l’economia».

Il calo negli acquisti si è già registrato nel primo weekend di shopping. Nonostante i promettenti cartelloni dei Saldi appesi alle vetrine, la gente ha preferito comprare l’indispensabile. Si registra, infatti, che il 53% degli italiani ha rinunciato all’acquisto di abbigliamento ed accessori, e il 17% ha confessato che ridurrà la spesa di prodotti alimentari.

Codacons afferma: «Con lo scoppio della crisi il governo si è preoccupato solo di salvare le banche e di azzerare il deficit, seguendo pedissequamente i dettami europei, ma non di aiutare le famiglie in difficoltà, salvaguardando la capacità di spesa. Ora è tempo di invertire la rotta per non arrivare ad un aggravamento delle condizioni economiche delle famiglie».

 

January 7, 2013 Posted by | News | , , , , , | Leave a comment

Bloomberg: i “Paperoni” non vengono toccati dalla crisi

ricco

C’è anche chi la crisi, nel 2012, non l’ha proprio sentita.

Il Bloomberg Billionaires Index, indice dei miliardari calcolato in base all’andamento borsistico, ci fa scoprire come, fra 100 patrimoni delle persone più ricche del mondo, solo 16 di questi hanno sofferto la crisi registrando alcune perdite, ma neanche tanto gravi. Al primo posto di questa lista troviamo al primo posto il magnate messicano Carlos Slim con un patrimonio di 56,9 miliardi di euro. Nella lista sono presenti anche Ortega, proprietario del marchio di abbigliamento Zara, e Kamprad, fondatore di Ikea.

bloomberg

Dobbiamo scorrere la lista fino alla ventiquattresima posizione per trovare un italiano: è Michele Ferrero, che con il suo dolcissimo impero si porta a casa il titolo di uomo più ricco dello stivale.

Nonostante la crisi, dunque, c’è chi non fa altro che guadagnare. Si stima che le 100 personalità più ricche del mondo, nonostante i movimenti ballerini dei mercati, siano riuscite ad aumentare il proprio patrimonio di 182 miliardi di euro. Un notevole risultato.

 

 

 

January 3, 2013 Posted by | News | , , , , , , | Leave a comment

Mutuo sulla prima casa

Oggi parliamo del mutuo sulla prima casa. Questa tipologia di mutui si descrive come un prestito ipotecato a coloro che ancora non sono proprietari di nessun immobile. E’ uno dei mutui più richiesti dai clienti e consente, dunque, di finanziare la prima abitazione.

tasseIl primo aspetto da considerare è la cifra che si andrà a richiedere. Generalmente le banche non coprono che l’80% del valore di mercato dell’immobile, anche se, ci sono istituti di credito che, a fronte di garanzie maggiori, concedono fino al 100% di copertura. Secondariamente vi è da considerare se richiedere tasso variabile, fisso o misto. Nel primo caso, il tasso variabile, il cliente accetta un rischio maggiore con un risparmio immediato ma poche garanzie, in quanto questo varia a seconda del valore di mercato dell’immobile che, ovviamente, può variare nel corso degli anni.
Nel caso di un tasso fisso, invece, ci sono più garanzie e sicurezze. Questo tasso prevede un pagamento maggiore all’inizio del periodo contrattuale, ma, successivamente, il tasso da pagare sarà sempre fisso, indipendentemente dal mercato immobiliare.

Nell’acquisto della prima casa sono previste alcune agevolazioni: l’imposta di registro è in genere richiesta con aliquota ridotta e le imposte ipotecarie e catastali sono dovute in misura fissa.

E’ importante porre molta attenzione nella decisione del mutuo da scegliere. Sul web sono disponibili moltissime guide che confrontano i prezzi e le tipologie di contratto messe a disposizione dalle varie banche.

December 26, 2012 Posted by | Banche | , , , | Leave a comment

Polizze Vita: cosa sono e come funzionano

La polizza vita è un contratto particolare stipulato tra un privato e una compagnia di assicurazione. Esistono due tipi di assicurazioni sulla vita: assicurazione per il caso di morte e assicurazioni per il caso di vita. Esistono inoltre altri tipi che si articolano in assicurazioni contro malattie, invalidità, infortuni, eccetera.

coppiaSe il contraente decide di stipulare questo tipo di polizza, esso deve versare alla compagnia di assicurazione il così detto “premio” che rappresenta la remunerazione della società assicuratrice per il rischio che si assume e che verrà poi restituita nel caso si verificassero gli estremi della polizza stipulata.

Assicurazioni in caso di morte:

In caso di morte dell’assicurato la compagnia dovrà liquidare l’importo prestabilito. Normalmente l’importo viene assegnato ai parenti o al beneficiario stabilito sul testamento. Questi si possono ovviamente cambiare nel corso della vita, comunicandolo alla compagnia d’assicurazione.

Questo tipo di assicurazioni possono essere temporanee o sulla vita intera. Nel primo caso l’assicurazione copre la persona solo per un determinato periodo di tempo, presente sul contratto. Nel secondo caso, questa copre per tutto il periodo della vita.

Assicurazioni in caso di vita:

Sono dei veri e propri prodotti finanziari che l’assicurato paga nel corso della vita per motivi che di solito comprendono forme di risparmio, fondi di investimento e pensioni integrative.

 

December 18, 2012 Posted by | Assicurazioni | , | Leave a comment

Financial Times: Mario Draghi persona dell’anno 2012

Secondo il Financial Times è Mario Draghi a portarsi a casa il titolo di “persona dell’anno 2012”. Il titolo è dovuto, secondo il giornale, al suo ruolo centrale nella gestione della crisi dell’euro.

“Mario Draghi è stato la guida spingendo insistentemente i governi e le banche central ad adottare le misure necessarie per preservare l’euro”

Il Financial Times non manca di citare come “protagonisti vitali” anche Mario Monti e Angela Merkel, e riserva per loro parole di elogio. Ma il presidente della Bce è stato la colonna portante, e le parole che gli hanno valso questo riconoscimento sono state quelle pronunciate lo scorso luglio alla vigilia delle Olimpiadi di Londra “nell’ambito del nostro mandato, la Bce è pronta a fare tutto quello che serve per preservare l’euro. E credetemi, sarà abbastanza”.
Ad oggi Draghi si dimostra fiducioso per la ripresa dell’economia. La ripresa sarà lenta, ma è già iniziata. “Siamo assolutamente consapevoli che la situazione economica in diversi Paesi, non solo Spagna e Grecia, è molo seria, e non stiamo per niente sottovalutando la difficoltà di questa situazione. I Paesi che hanno avuto successo negli aggiustamenti di bilancio e nelle riforme hanno mitigato gli effetti recessivi di breve termine delle politiche di bilancio. I Paesi in grado di gestire questo mix di politiche hanno la possibilità di ridurre le difficoltà che derivano dal risanamento”

December 14, 2012 Posted by | News | , , | Leave a comment

Wall Street apre in rialzo

foto3In attesa che la Fed si esprima sul costo del denaro e sulle prossime mosse a sostegno dell’economia, Wall Street parte in modo positivo. Il Dow Jones quota in rialzo dello 0,28% portandosi a 13.285,88 punti, +0,27% per lo S&P che sale a 1.431,75 e +0,3% del Nasdaq a 3.031,44. Numeri favorevoli per la giornata di oggi.

 

December 12, 2012 Posted by | News | Leave a comment

Assicurazione casa obbligatoria per eventi eccezionali

“Gli eventi eccezionali sono quegli eventi che, se compresi nella copertura assicurativa, potrebbero destabilizzare l’Assicuratore per la pesantezza e estensione delle conseguenze dannose ad essi ricollegabili, oppure per l’inesistenza o l’incertezza delle basi statistiche cui rapportare il premio.
Da ciò la norma legislativa per cui, salvo patto contrario, l’assicuratore non è obbligato per i danni determinati da movimenti tellurici, da guerra, da insurrezioni o da tumulti popolari.
Vedesi Articolo n. 1912 del Codice Civile.

Questo è quello che il Codice Civile descrive riguardo ai così detti “Eventi Eccezionali”. terremotoemiliaNegli ultimi giorni, tuttavia, le cose stanno cambiando. Nei giorni scorsi il Ministro Corrado Clini ha inviato al Cipe una bozza sulle “linee strategiche per l’adattamento ai cambiamenti climatici, la gestione sostenibile e la messa in sicurezza del territorio”, in parole povere, il decredo prevede di stabilire un’assicurazione obbligatoria su beni e strutture, statali e private, contro il rischio di eventi climatici estremi. Secondo Clini la fonamentalità di questa copertura assicurativa risiede nel fatto di poter garantire agli italiani che potrebbero essere vittime di terremoti ed alluvioni, ad esempio, la certezza di un immediato risarcimendo dei danni senza gravare sulle tasche degli italiani.

Come è naturale che sia, la proposta ha subito sollevato numerose polemiche. Sembra infatti inutile un provvedimento che non farebbe altro che arricchire ulteriormente le compagnie assicurative, sostiene la Federconsumatori, che vede il decreto come un mezzo per far guadagnare soldi sulle disgrazie altrui. Inoltre, come viene previsto dalla proposta, sembra inutile che l’obbligatorietà venga posta solo sulle zone a rischio, poiché, come è testimone il recente terremoto in Emilia, è difficilmente prevedibile la zona in cui avverrà un terremoto, o in generale, un evento eccezionale.

December 12, 2012 Posted by | Assicurazioni | , , , | Leave a comment